Una rete per la vita

La mia vita in un collegio in Svizzera, scoprendo un mondo di rispetto e accettazione delle differenze
Una rete per la vita
Di Christophe-Xavier Clivaz  

Ho avuto la fortuna di trascorrere diversi anni in un collegio in Svizzera dove ero circondato da persone di oltre 120 nazionalità. Vorrei condividere con voi questi straordinari momenti di felicità, che mi hanno formato e mi hanno permesso di diventare quello che sono oggi. Sono felice di poter condividere alcuni dei miei ricordi d'infanzia e vederli inseriti tra queste storie.

La decisione di mandare i tuoi figli in collegio può indurre un senso di colpa e sollevare interrogativi sulla tua vita familiare: come padre, non sono in grado di assumere il mio ruolo? Perché non riesco a conciliare le mie attività professionali e la mia vita privata?

Queste domande, per quanto legittime, non dovrebbero impedire a tuo figlio di fare esperienza della vita e di studiare in un collegio svizzero sarà sicuramente il miglior regalo che tu possa mai fargli. Questo è stato il mio caso, ed è ciò che i miei genitori hanno fatto per me alla fine degli anni '80.

Attraverso questo regalo darai a tuo figlio gli strumenti migliori per affrontare una società globalizzata, in continua evoluzione e incerta.

Una domenica pomeriggio di settembre 1989, mia madre mi accompagnò in macchina dal mio remoto villaggio sulle Alpi svizzere al mio collegio. Diverse ore separavano la mia casa dalla mia futura scuola. Durante tutto il viaggio non ci siamo scambiati una parola, l'autoradio era spenta. Solo il rumore del motore dell'auto e delle ruote sull'asfalto riempiva l'auto. Dopo un arrivo sicuro, siamo stati accolti dal Direttore del Convitto, un italiano elegante che parla inglese con un accento meraviglioso che mi ha ricordato la mia ultima vacanza a Portofino. Ci condusse nella mia stanza. Camminando per i corridoi che portavano alla mia camera da letto, potevo sentire l'odore della candeggina che era stata usata per pulire il pavimento. Sentivo che si avvicinava il momento della separazione da mia madre. Dopo aver disfatto le mie cose e qualche lacrima, mi sono ritrovata sola in un mondo sconosciuto, ma ero emozionata per l'inizio di questa nuova avventura. Stavo per condividere la mia stanza con altri due studenti, Nishi e Hichem. Io, che provenivo da un piccolo villaggio delle Alpi svizzere, mi sono trovato in una stanza con un giapponese e un tunisino.

La prima sorpresa è stata quando Nishi ha aperto un pacchetto che sua madre gli aveva inviato e ha tirato fuori una ciotola di noodles "Momofuku Ando". Aggiunse acqua bollente, afferrò alcune bacchette... questo fu seguito per alcuni minuti dal suono particolare dei noodles che si muovevano tra la ciotola e le labbra di Nishi. Pensavo che gli spaghetti alla bolognese cosparsi di parmigiano fossero gli unici spaghetti che esistevano, la sorpresa è stata enorme! Il mio secondo stupore è arrivato quando Hichem ha preso il suo tappeto, ha guardato la sua bussola e ha detto la sua preghiera prima di andare a letto… Io che pensavo che esistessero solo chiese come luoghi di culto, ancora una volta la sorpresa è stata grande. Quanto a me, ho insistito che dormissimo con la finestra aperta per avere un po' di “brezza” perché mi ricordava casa mia…

Dopo pochi giorni, ci siamo resi conto che avremmo dovuto accettare le nostre differenze e rispettare le nostre culture e tradizioni. L'unico modo per farlo era condividerli tra di noi. Abbiamo trovato il seguente “modus vivendi”: Nishi poteva mangiare i suoi noodles purché li condividesse con noi. Ogni mercoledì, il giorno in cui arrivava il pacco, questo diventava il nostro rituale. Hichem poteva dire la sua preghiera e io potevo dormire con la finestra aperta purché ci invitassimo a turno nei nostri rispettivi paesi. È così che è iniziata la mia avventura in un collegio svizzero ed è stato durante la mia prima settimana di scuola che ho imparato l'importanza di accettare le differenze reciproche per vivere in armonia. Fu anche allora che capii che una comunità forte può essere costruita solo sulle fondamenta di culture diverse con il rispetto come unico obiettivo comune. Questa alchimia, unica delle scuole svizzere, consente di costruire legami che rimarranno incrollabili per tutta la vita. La prova di ciò è la mia rete di amici, non quelli dei social media, ma quelli dei miei anni di imbarco - e la mia rete copre davvero il mondo intero.

Prendersi cura di se stessi.

      
× Come posso aiutarla?