Perfetta armonia

Ad Aiglon, gli studenti di tutto il mondo imparano a vivere fianco a fianco. Ma com'è veramente quando il tuo migliore amico ha idee che vengono letteralmente dall'altra parte del pianeta?

Alice Cervini e Victoria Li provengono da due estremi opposti (Milano e Hong Kong). Parlano lingue diverse e hanno prospettive, background e atteggiamenti diversi. Cosa potrebbero avere in comune? Ebbene, Aiglon è rinomata per unire le persone, e così è stato in questo caso, con un piccolo aiuto in più dalla quarantena.

"Quando ci siamo incontrati per la prima volta, non ci piacevamo molto", ammette Victoria. “E in circostanze normali non saremmo mai diventati amici. Ma quando è arrivata la prima quarantena e tutti i nostri gruppi di amici se ne sono andati, eravamo solo noi.

"Quando ho visto che Victoria era qui, ho pensato, 'Andiamo a parlarle'", dice Alice. "A un certo punto è stata messa in quarantena, quindi ho preso la mia sedia e mi sono seduta fuori dalla sua stanza e abbiamo passato i pomeriggi a parlare". “Per due settimane abbiamo passato ogni minuto insieme”, continua Victoria (le due si scambiano e finiscono le frasi a vicenda). “Abbiamo iniziato a parlare di ciò che abbiamo in comune e abbiamo scoperto che era così tanto.”

"Di solito, i miei genitori venivano quasi tutti i fine settimana a trovarmi", conclude Alice, "ma con il Covid non potevano, quindi ho capito che avrei dovuto farmi una famiglia". (Al che entrambe le ragazze "awww" e si abbracciano e ridono.)

Potrebbe aver avuto una svolta nel 2020, ma questo è il modo in cui Aiglon: un'intera gamma di nazionalità diverse che si uniscono in perfetta armonia. L'atmosfera del melting pot può creare una curva di apprendimento come nessun'altra e può costruire amicizie che arricchiscono la vita al di là della solita esperienza scolastica.

"Nella mia vecchia scuola, sarei abbastanza tranquillo", dice Alice. “Ma qui, sapevo che avrei dovuto fare amicizia o tornare a casa. Penso che a loro piaccia mettere insieme nazionalità diverse come coinquilini, e ne abbiamo incontrati così tanti a casa nostra: francesi, americani, giapponesi, russi, nepalesi, in tutto il mondo!”

LEGAMI FORTI

Antonio Crosswell Goudet e Issei Akita (entrambi Belvedere, anno 10) sono arrivati ad Aiglon all'inizio dell'anno scolastico 2020, provenienti rispettivamente da Città del Messico e Tokyo, Giappone. Era la prima volta che si imbarcavano per entrambi, e ammettono ridendo di provare una certa preoccupazione per l'adattamento e la ricerca di amici. Come si è scoperto, però, si sono piaciuti subito dopo essere stati collocati nella stessa stanza.

"È stato abbastanza naturale", dice Antonio. "Quel primo giorno abbiamo condiviso i nostri profili sui social media e alla fine della settimana ha iniziato ad aprirsi e abbiamo scoperto che avevamo un senso dell'umorismo simile". Tanto che quando Issei si tagliava affettando il pane, il suo primo istinto fu di andare dall'amico per chiedere aiuto.

"Pensavo che stesse facendo uno scherzo, con ketchup o qualcosa del genere", dice Antonio. "È stato solo quando ho visto che il sangue usciva che mi sono reso conto che dovevamo ripulirlo e portarlo dall'infermiera, che lo ha rapidamente rattoppato e stava bene".

"Le stanze condivise creano spesso legami molto forti", afferma Mike Cornish, Service and Spiritual Life Leader di Aiglon. «Ma è improbabile che tu stia con la stessa persona per tutta la vita scolastica. Tutte le case usano sistemi diversi, ma la maggior parte ruota i coinquilini trimestralmente, così puoi incontrare nuove persone e abituarti a farlo funzionare. Devi conoscere la sensibilità delle persone, le loro idiosincrasie, le loro culture e conoscerle davvero".

Aiglon ha diversi modi per aiutare gli studenti a conoscere meglio i loro coetanei, spiega Cornish. “Che tu sia appassionato di musica e DJ, tecnologia, riciclaggio o attività all'aria aperta, c'è un posto dove puoi farlo. L'interazione con gli studenti non si basa solo su lezioni ed esplorazioni. Ci sono molte attività che promuovono le amicizie tra la casa e i gruppi durante l'anno”. Quelle stesse attività possono essere rafforzate e rafforzate da amicizie preesistenti: Victoria e Alice si incoraggiano a vicenda per andare in palestra; Issei e Antonio “corrono e giocano a calcio insieme, e ci siamo entrambi iscritti per provare ad arrampicare”.

Le spedizioni, per loro stessa natura, richiedono un grado di fiducia reciproca che solidifichi le relazioni. "Sei con quel gruppo 24 ore su 24, 7 giorni su 7", afferma il signor Cornish. “Ogni volta che cucini o monti una tenda, condividi la responsabilità di fornire cibo e fornire riparo. Ti affidi ad altre persone per la tua sicurezza, e loro fanno affidamento su di te". "Ma non si tratta solo di sostenersi fisicamente a vicenda", afferma Victoria. “Si tratta di condividere i ricordi di quando siamo arrivati in vetta insieme. Quel momento in cui scattate una foto di entrambi per dire: "Siamo arrivati qui, insieme". "Su Ex, vieni messo in gruppi casuali, quindi devi passare l'intera giornata con persone con cui forse non hai mai parlato prima", dice Alice. "E se non troviamo qualcuno con cui parlare", aggiunge Victoria, "parliamo con gli insegnanti, e questo è un altro tipo di amicizia".

SCAMBIO CULTURALE

Quella volontà e capacità di aprirsi agli altri è qualcosa che Aiglon lavora duramente per promuovere, non da ultimo durante la meditazione quotidiana, che può essere impartita da studenti e personale allo stesso modo, nonché da oratori in visita. "Senti di aver davvero imparato qualcosa sulla persona", dice il signor Cornish, che è responsabile della programmazione delle Meditazioni. “Ho parlato di una parte della mia famiglia indiana e degli abusi razziali che alcuni membri della famiglia hanno subito; altri hanno parlato di superare delusioni, perdite o sfide fisiche. Le storie sono incredibili, personali e applicabili. Ma alcuni sono divertenti e leggeri: potresti sentire parlare di un'abilità, di una passione o della vita familiare di qualcuno. Fanno molta strada nello sviluppo di una cultura in cui le persone sono aperte e accettanti”.

I viaggi di servizio sono un altro modo per vivere direttamente i paesi d'origine e le culture dei compagni di studio o per condividere attivamente la propria, come il viaggio pianificato a Istanbul organizzato da due studenti turchi per aiutare in una scuola locale e vivere le attrazioni di uno dei grandi città interculturali – o la relazione di beneficenza online a sostegno dei piccoli agricoltori fondata da uno studente indiano nel suo paese d'origine. "Non dobbiamo suggerire queste cose", afferma il signor Cornish. "Gli studenti vengono da noi con le proprie forze".

Ma oltre all'attività più formale, molti studenti trovano che anche solo chiacchierare sia il modo migliore perché lo scambio culturale avvenga in modo naturale. “L'altra sera”, dice Alice, “Victoria ha iniziato a parlare delle sue tradizioni familiari. Ero super interessato, perché in Cina sembrano più definiti, mentre in Italia non sono così formali». E Issei e Antonio hanno imparato le lingue l'uno dell'altro e cucinato piatti speciali l'uno per l'altro. "Ci sono molte differenze in una scuola come questa che ti rendono più tollerante e paziente", dice Antonio, "anche se si passa solo nei fine settimana".

COLLEGAMENTI NEL MONDO

Naturalmente, mentre il collegio pone gli studenti in maggiore vicinanza durante i loro giorni di scuola, inevitabilmente li disperde ulteriormente una volta che se ne vanno. I laureati di Aiglon mantengono connessioni in interi continenti. Antonio e Issei hanno già calcolato quanto saranno distanti l'uno dall'altro una volta partiti: "sono sette ore di differenza", cantano in coro fintamente sgomenti. Issei sta già programmando un viaggio in Messico. "Conosco molti laureati che restano in contatto, anche dopo tanto tempo", afferma Victoria. "Le connessioni che hanno costruito qui sono così forti."

In effetti, queste due coppie internazionali stanno già pianificando come rimanere insieme un po' più a lungo. "Ogni trimestre a Belvedere scrivi i nomi delle persone con cui vuoi stare", dice Antonio. "Non è garantito, ma guardano cose come se dai una mano in casa e hai buoni voti". "Quindi, mi aiuta molto con la preparazione e con il mio inglese", dice Issei. “Lo tengo fuori dai guai”, ride Antonio. “E mi aiuta con la matematica. È così incredibilmente bravo in questo.” Alice e Victoria, nel frattempo, stanno applicando le abilità di classe alla loro campagna per rimanere come coinquilini. "Abbiamo scritto un saggio per sostenere il nostro caso", dice Alice. "È lungo due pagine ed è un vero e proprio PEE - spiegano le prove puntuali - argomento", afferma Victoria. "Siamo determinati!"

E come possono attestare gli alunni di Aiglon, le amicizie costruite sulla montagna durano nel tempo. "Finché rimani la persona che sei e non cerchi di cambiare te stesso, attirerai persone che vogliono avere un'amicizia a lungo termine con quella persona", afferma Victoria. E Alice è d'accordo: "Non importa chi sei o da dove vieni, c'è sempre qualcuno che verrà a parlare e sarà tuo amico", dice. "E, spesso, quelle amicizie sono fatte per sempre."

Parole Victoria James

Fotografia Joe McGorty

× Come posso aiutarla?