La tecnologia, l'alleata della didattica al Collège du Léman

Al Collège du Léman, le nuove tecnologie sono un prezioso aiuto per gli insegnanti: offrono format di corso innovativi, pur mantenendo l'importanza della didattica in presenza. Qui diamo uno sguardo più da vicino a come la scuola combina modernità e tradizione per fornire un'istruzione che sia allo stesso tempo su misura e all'avanguardia.

Sebbene i metodi si siano evoluti nel tempo, al Collège du Léman l'elemento umano è sempre al centro dell'insegnamento. Nel 2020, però, con la chiusura delle scuole, le lezioni in presenza sono state rapidamente sostituite dalle lezioni online grazie alla Virtual School Experience, un approccio che abbraccia la tecnologia per favorire il coaching di gruppo e individuale degli studenti, alternato a momenti di apprendimento autonomo.

LE PERSONE PRIMA DI TUTTO

Per Jacob Rosch, Head of Educational Technology al Collège du Léman, l'insegnamento sarà sempre in prima linea nel mondo virtuale. La scuola è ancora il modo migliore per gli studenti di imparare, dice. «Dobbiamo sfruttare al meglio ciò che le nuove tecnologie hanno da offrire, come la possibilità di dare un feedback immediato a seguito di un esercizio svolto al computer o creare gruppi di discussione tra studenti in modo che possano provare a trovare insieme la soluzione a un problema, » illustra. Inoltre, una classe di alunni della Scuola Primaria ha potuto di recente entrare in contatto virtuale con un astronauta, mentre un'altra è stata invitata a registrare le sue interviste con i maggiori esperti

dal MIT o dalla Julliard School per realizzare podcast da distribuire online.

UN'OCCASIONE PER RIPENSARE

Offrire formati di corso innovativi, incoraggiare l'interdisciplinarità e la collaborazione è la direzione che stanno prendendo gli insegnanti della scuola. L'anno scorso, ad esempio, gli studenti di Grade 6 si sono esercitati a scrivere un libro virtuale sull'ecologia in inglese, che è stato poi condiviso con gli studenti delle classi inferiori. «Non solo sono stati in grado di migliorare la loro conoscenza della scienza e dello sviluppo sostenibile, ma hanno anche migliorato le loro capacità di scrittura. È importante mostrare agli studenti l'intera gamma di possibilità, che modelleranno la loro creatività e capacità di trovare soluzioni», aggiunge il signor Rosch. La scuola prepara inoltre i suoi studenti al mondo di domani incoraggiandoli a lavorare su casi pratici basati su situazioni di vita reale provenienti da contesti professionali. Di recente, a una classe è stato chiesto di progettare un prodotto innovativo, dallo sviluppo al marketing fino al lancio.

VIVERE CON I TEMPI

Da marzo 2020, il Collège du Léman ha anche dato accesso a tutti gli insegnanti nell'uso della piattaforma virtuale Global Campus di Nord Anglia, il cui utilizzo è aumentato vertiginosamente. Questa piattaforma online, sviluppata internamente per tutti i 67.000 studenti delle 73 scuole del gruppo Nord Anglia Education (NAE), che opera in 29 paesi, fornisce a tutti gli insegnanti l'accesso a corsi ed esercizi per arricchire il proprio curriculum. Di recente, la piattaforma è stata ampliata per includere esercizi per i bambini più piccoli (dai 2 ai 7 anni), molto apprezzati dai genitori durante il primo lockdown. Mark Orrow Whiting, responsabile della piattaforma di NAE, vede Global Campus come un ottimo modo per arricchire l'apprendimento utilizzando l'intelligenza collettiva. «Non solo consente di insegnare agli studenti fisicamente assenti, ma migliora anche il follow-up offrendo agli studenti l'opportunità di autovalutarsi negli esercizi online», commenta. Pauline Nord, Direttore Generale della scuola, ha dichiarato: «Poiché abbiamo appena festeggiato i nostri 60ns anniversario, è fondamentale non solo per riflettere sulla nostra storia, ma anche per costruire il nostro futuro. Abbiamo la responsabilità di preparare i nostri studenti ad essere cittadini globali e di aiutare ogni bambino a trovare il proprio posto in una società che cambia. Per i prossimi 60 anni, il Collège du Léman continuerà ad adattarsi, creando percorsi di apprendimento individuali per ogni bambino.»

 

× Come posso aiutarla?